L'insegna del Garagetorino
HoMe RecEnSioNi TecNicA GaRagE GaLLeRiA FoRuM SpOnSoR LinKs CoNtAttI ReGoLaMeNtO

Titolo della Sezione Classiche

ALFA ROMEO GIULIA
GTA
&
GTA Junior

La Giulia Sprint GT

Nel 1963, l'Alfa Romeo presentò il prototipo della coupé Giulia Sprint GT, che aveva il compito di sostituire la Giulietta Sprint; le vendite della nuova auto iniziarono nella seconda metà del '64. La carrozzeria della Sprint GT era stata progettata da Bertone. Il suo motore, di 1570 cmc, era derivato da quello della Giulia berlina. Nell'autunno del 1966 fu immessa sul mercato la GT 1300 Junior, il cui motore era derivato da quello della Giulia berlina 1300. Questa vettura fu realizzata in quattro serie, e rimase in vendita fino al 1977.

La Giulia Sprint GTA
Alfa Romeo Giulia Sprint GTA - 3/4 anteriore

Al salone di Ginevra del 1965, l'Alfa Romeo presentò una vettura sportiva derivata dalla Giulia Sprint GT: la Giulia Sprint GTA (la "A" della sigla vuol dire "alleggerita"). Quest'auto era stata realizzata espressamente per partecipare alle gare delle vetture turismo.
Nel 1965 comincia la preparazione della Giulia GTA che esordisce alla gara in salita Trento-Monte Bondone. Conquista il primo posto della categoria Gran Turismo 1600. Nel giugno 1966 l'Auto Delta viene consociata all'Alfa Romeo. Chiti è nominato direttore generale e consigliere di amministrazione. Da allora l'attività dell'Auto Delta continua con la preparazione delle vetture da turismo e, dal 1967, anche con la costruzione dei prototipi della serie 33. Ma intanto le GTA si moltiplicano.
Eccole in dettaglio. La Giulia GTA monta inizialmente lo stesso motore della TZ2 (1570 cm3 di cilindrata) che, ulteriormente sviluppato, arriva a dare la bellezza di 175 CV. Si parla, ovviamente, di motore preparato perché quello standard, così com'era venduto al cliente, sviluppava una potenza di 115 CV a 6.000 giri.
I preparatori che si scatenano sulle GTA sono i famosi Conrero, Bosato e Facetti, a cui bisogna aggiungere il romano Angelini. La Giulia GTA in versione 1600 arriva a pesare 700 chili e a raggiungere, col rapporto al ponte più lungo, velocità di oltre 200 Km/h. Grazie alle modifiche di Chiti, il retrotreno detto a "slittone" abbassa ulteriormente il centro di rollio, dando alla vettura una notevole tenuta di strada e una guidabilità di primissimo livello. Pur trovandosi spesso a competere con le Porsche 911 a motore posteriore, le Alfa Romeo non manifestano alcun complesso d'inferiorità: nel '67 in Germania, sulla pista del Nurburgring, le GTA si classificano alla 6 Ore, prima, seconda e quarta assolute. Lunghissimo l'elenco delle affermazioni dei piloti della Casa e dei clienti sportivi al volante della GTA che diventa presto imbattibile nella sua classe di cilindrata: centinaia di vittorie (più di 200 nella sola stagione 1966), decine di titoli nazionali (perfino negli U.S.A e in Sudamerica), tre Challenge d'Europa per vetture Turismo con Andrea de Adamich (1966 e 1967) e Spartaco Dini (1969), un Campionato europeo della Montagna con Ignazio Giunti (1967).
Nel biennio 1967 - 1968 una decina di esemplari vengono ulteriormente potenziati con l'adozione di un particolare sistema di sovralimentazione: preparate secondo i regolamenti del Gruppo 5, le GTA-SA (SA sta per sovra alimentata) corrono soprattutto in Germania, Belgio e Francia ottenendo anch'esse risultati di rilievo.

Alfa Romeo Giulia Sprint GTA - 3/4 anteriore Alfa Romeo Giulia Sprint GTA - anteriore Alfa Romeo Giulia Sprint GTA - Frontale
Alfa Romeo Giulia Sprint GTA - Lato Alfa Romeo Giulia Sprint GTA - 3/4 posteriore Alfa Romeo Giulia Sprint GTA - Vano motore Alfa Romeo Giulia Sprint GTA - Vano motore

La GTA 1300 Junior
Alfa Romeo Giulia 1300 Junior


Dal modello GTA fu derivata la GTA 1300 Junior, che fu prodotta dal 1968 al '72.
La supremazia dell'Alfa Romeo nelle competizioni Turismo continua sul finire degli anni '60 con la GTA Junior, una piccola "bomba" su strada e su pista. Senza rivali nella sua categoria, riesce a rendere la vita difficile anche ad auto di cilindrata e potenza nettamente superiori. Schierate nell' "Europeo" a fianco, prima della GTA 1600 e poi delle GTAm, le GTA Junior dell'Auto Delta dominano fra le vetture di 1300 cm3 per quattro anni consecutivi. Nel 1971 la Casa di Arese riesce, anche per il particolare sistema di assegnazione dei punteggi, a vincere il Campionato europeo costruttori grazie alle prodezze della GTA Junior di Gianluigi Picchi (nella foto), il cui apporto è determinante per la conquista del titolo. Nel 1972 la GTA Junior vince tutte e nove le prove previste dal Campionato europeo turismo grazie ancora una volta all'abilità di Picchi (nelle due stagioni vince 9 gare su 17 n.d.s.) insieme a Facetti, Hezemans, Van Lennep e altri valenti piloti. Numerosi anche i campionati nazionali che questa vettura si aggiudica un po' in tutto il mondo, dall'Italia agli Stati Uniti, dal Belgio all'Olanda, dalla Cecoslovacchia all'Austria.

Alfa Romeo Giulia Sprint GTA

La GTA Junior continua a correre con successo fin oltre la metà degli anni 70 e, a fine carriera, il suo 4 cilindri a doppia accensione di 1290 cm3, nella versione a iniezione, arriva a erogare 165 CV a 8400 giri al minuto (contro i 96 a 6000 giri del motore per la versione stradale).Nel 1974 viene omologata anche una testa a 4 valvole a una sola candela per cilindro, che permette di raggiungere i 180 CV a 9300 giri.
Dei 447 esemplari della GTA Junior prodotti tra il 1968 e 1972, si calcola siano almeno 300 quelli preparati per le corse.

Scheda tecnica della GTA 1300 Junior stradale

MOTORE
A ciclo Otto, con quattro cilindri in linea, disposto anteriormente, in posizione longitudinale - Accensione con due candele per cilindro - Alimentazione con due carburatori orizzontali a doppio corpo Weber 45 DCOE 14 - Cilindrata di 1290 cmc - Distribuzione con due alberi a camme in testa (comandato da doppia catena) e due valvole per cilindro - Misure dei cilindri: alesaggio di 78 mm, corsa di 67,5 mm - Potenza di 110 cavalli SAE a 6000 giri/minuto - Raffreddamento a liquido - Rapporto di compressione 9:1.
TRASMISSIONE
Trazione posteriore - Cambio manuale a cinque marce sincronizzate - Rapporto di riduzione finale 9/41.
CORPO VETTURA
Carrozzeria portante - Freni a disco con servofreno e un solo circuito - Pneumatici 165 HR per 14 pollici - Sospensioni anteriori a ruote indipendenti - Sospensioni posteriori a ponte rigido, molle elicoidali e triangolo superiore.
DIMENSIONI E PESO
Lunghezza 4,08 m - Larghezza 1,58 m - Altezza 1,31 m - Passo 2,35 m - Peso 760 kg.
PRESTAZIONI
Velocità massima dichiarata: 175 km/h.

Alfa Romeo Giulia GTA Junior - 3/4 anteriore Alfa Romeo Giulia GTA Junior - 3/4 posteriore

Informazioni e immagini tratti dai siti:
http://digilander.libero.it/Volantino/index.htm
www.Alfisti.ch
www.MitoAlfaRomeo.com
Per suggerimenti, correzioni, segnalazioni:
Suggerimenti
ToRnA aLLa
PaGinA delle ReCenSioNi

Copyright 2004 | Garagetorino Terms Of Use | Garagetorino